Accedi all'area riservata
Centro Ricerche

Diretto dalla dr. Sabina Malgora. Sede operativa: Milano, all’interno dell’Ospedale Fatebenefratelli, in collaborazione con il prof. Luca Bernardo, direttore del dipartimento materno infantile. È finalizzato allo studio approfondito dei reperti organici, in particolare mummie umane e di animali attraverso analisi effettuate con le più moderne tecniche di indagine medica ed investigativa, eseguite da un’équipe multidisciplinare, in grado di recuperare tutte le informazioni disponibili e di confrontarle nel panorama scientifico di riferimento, nel più completo rispetto della integrità e della conservazione dei reperti. Restituisce un’identità, il più possibile esaustiva alle mummie oggetto di indagine, completando il quadro storico e culturale da cui provengono. Collabora con università, musei, fondazioni ed istituzioni culturali.
Sabina Malgora
Direttore del Mummy Project Research di Milano, da lei fondato nel 2009.
Curatore della sezione egizia Castello del Buonconsiglio di Trento. Ha partecipato a missioni archeologiche in Oman ed in Egitto.
Alterna la ricerca scientifica alla progettazione manageriale di progetti culturali e di ricerca, delineando una moderna figura di ricercatore.
Tra i suoi progetti si annovera la mostra “UR SUNU Grandi dottori dell’Antico Egitto”, (Casale M.to 09/2008-01/2009), “Il Vino nell’Antico Egitto” (Alba, 21/03/14-18/06/14).
Ha pubblicato articoli per numerose riviste scientifiche e alcune monografie, tra cui “Museo Camillo Leone, la collezione egizia”, “Dall’Egitto alle Alpi. La collezione egizia del Castello del Buonconsiglio di Trento”.
Si dedica con passione alla divulgazione: attraverso articoli per riviste divulgative, documentari televisivi, conferenze e laboratori.
Ha ricevuto la Medaglia d’Onore del Presidente della Repubblica nel 2014.
Chantal Milani
DMD, MS, Medico odontoiatra, Antropologo e Odontologo Forense.Da sempre dedita allo studio dell'antropologia fisica, si perfeziona ulteriormente in Italia e all'estero in Antropologia e Odontologia Forense dedicandosi all'identificazione personale e alla gestione del problema dei Cadaveri Sconosciuti e delle Persone Scomparse, confrontando metodi e protocolli di diversi Paesi. 
Consulente in numerosi casi giudiziari, fra cui quello dell'Omicidio di Simonetta Cesaroni (delitto di Via Poma), ha sempre collaborato collabora con le Forze dell'Ordine e le Procure di tutta Italia per l’analisi di cadaveri molto compromessi, l'identificazione del cadavere e del vivente e il riconoscimento di soggetti ritratti in fotografie e immagini di videosorveglianza. 
Membro del consiglio direttivo della Società Italiana di Odontoiatria Forense (S.I.O.F.) è inoltre docente in corsi universitari e privati, nonché relatore anumerosi seminari e congressi.​​ Dal 2009, data della sua fondazione, collabora con il Mummy Project Research. Attualmente presta servizio come Ufficiale presso il Reparto Investigazioni Scientifiche (R.I.S.) dei Carabinieri di Roma.
Albert Zink
Nato in Monaco di Baviera, è Direttore Scientifico dell’Istituto per le Mummie e l’Iceman dell’EURAC research di Bolzano. Si occupa di antropologia molecolare, nanotecnologie, paleopatologia, paleoepidemiologia e di studi forensi. È noto per aver studiato l’uomo del Similaun, la mummia di Tutankhamon e per le indagini svolte su Ramses III.
Laureato in Biologia presso l’Università di Monaco, con specializzazione in Antropologia e Paleopatologia. Dottore di Ricerca in Paoleopatologia presso l’Istituto di Antropologia e Genetica umana dell’Università di Monaco. Continua le sue ricerche nel campo della paleopatologia, con un post-dottorato do ricerca incentrato sull’identificazione delle alterazioni patologiche nelle mummie dell’Antico Egitto, attraverso l’estrazione e lo studio del DNA. Ha lavorato presso l’Università di Monaco dal 2002 al 2004, come assistente della divisione di Paleopatologia.
Dal 2004 al 2007 è stato ricercatore presso il Department of Earth and Environmental Sciences, Partecipa a missioni archeologiche, in particolare in Egitto. Ha pubblicato numerosissimi articoli su riviste scientifiche, e ha scritto libri sulle mummie e sugli studi ad esse applicati. Ha partecipato a convegni internazionali e tiene conferenze in tutto il mondo. Collabora con le trasmissioni televisive italiane ed estere, ha girato documentari anche per il National Geographic.
Wilfried Rosendahl
Nato nel 1966. Studi di Geologia, Paleontologia, Storia Antica e Zoologia.
Collabora dal 2004 col Museo Reiss-Engelhorn di Mannheim, dove oggi è Direttore e Responsabile del Mummy Project tedesco.
Argomenti principali del lavoro di ricerca sono “ L'Uomo, Clima ed Ambiente “ nel periodo dell'Epoca Glaciale, degli abitanti delle caverne, della Paleoantropologia e della ricerca sulle Mummie. Numerose pubblicazioni nazionali ed internazionali di libri e riviste sugli aspetti degli argomenti sopracitati.
A partire dal 1992 attività di insegnamento presso diverse Università come Köln, Tübingen, Darmstadt, Mannheim. Curatore di numerose importanti Mostre specializzate in Germania ed all'estero come “Mummie – Il sogno di una vita eterna “, “ I Medici, uomini, potere e passione “, “ Culto del Teschio – Testa e Teschio nella storia della cultura umana “, “ Sciamani della Siberia “ oppure “ Safari nell'Epoca Glaciale “.
REM: German-Mummy-Project, Reiss-Engelhorn-Museen - Impressum, centro internazionale ed interdisciplinare focalizzato nelle ricerche sulle mummie.
Jonathan Elias
Direttore Akhmim Mummy Studies Consortium (AMSC Research LLC), Pennsylvania, USA.
Si è laureato all'Università di Chicago con un Master di ricerca sui sistemi delle iscrizioni magiche dei sarcofagi Egizi.
Questo lo ha indotto a interessarsi specialmente della città Egizia di Akhmim, dei suoi stili artistici e della sua antica comunità. La sua ricerca sui sarcofagi e sulle mummie ha stimolato diversi musei ad aprire delle mostre su questo argomento e lui fornisce correntemente consulenze sui diversi aspetti dello studio museale dei reperti. A partire dal 2001 il Dr. Elias si è specializzato nella scansione TAC e nella raffigurazione high-tech delle mummie Egizie.
Oggi è Direttore del Consorzio Studi sulle Mummie di Akhmim, un progetto internazionale, che coordina le ricerche sulla popolazione di Akhmim mediante lo studio delle mummie a mezzo scansione TAC e la ricostruzione facciale forense dell'antico popolo Egizio. Le sue sculture rappresentano persone del Primo Periodo Intermedio ( ca. 2150 a.C. ) fino al terzo secolo a.C.
Le ricerche sui sarcofagi restano per lui di grande interesse. Le sue recenti collaborazioni hanno prodotto diversi nuovi studi sullo sviluppo stilistico dei sarcofagi durante il Terzo Periodo Intermedio, il Tardo Periodo ed il Periodo Tolemaico. Gli attuali progetti museali di Elias riguardano speciali ricerche su categorie di oggetti non comuni e un'accurata cartografia digitale dei siti archeologici Egizi utilizzando le immagini satellitari.
Studio Alquati
Alquati Michele e Bardelli Daniela sono membri del MPR dal 2010 e si occupano di reportage fotografici in Egitto, fotografie editoriali e per mostre.
Titolari dello Studio Fotografico Alquati che dal 1979 opera nel campo della fotografia industriale e nell'automobilismo sia come produzione che sportivo. Sposati, tutti e due fotografi, condividono da decenni il lavoro e la passione per l’antico Egitto. Nell’arco della lunga esperienza sono state molteplici le collaborazioni con importanti gruppi industriali ed editoriali, offrendo sia le riprese fotografiche che il supporto per l’allestimento oltre al sostegno agli uffici stampa.
Nel panorama motoristico sportivo nazionale lo Studio Alquati è considerato un punto di riferimento per l’esperienza maturata dimostrando professionalità e competenza.
Da alcuni viaggi di piacere è maturata la passione per l’egittologia; una realtà diametralmente opposta alla tecnologia dei motori e alla fotografia digitale, capace di far riscoprire antiche sensazioni.
Così in diverse occasioni Michele e Daniela si sono dedicati a raccogliere immagini particolari dell’antico mondo dei Faraoni, unendo la loro lunga esperienza alla passione e ritenendo prezioso condividere con gli altri le emozioni, gli affascinanti ambienti e situazioni di questo meraviglioso mondo.
Vittoria Oglietti
Event planner e titolare di Smov eventi, ha lavorato per molti anni in aziende leader nel settore alimentare e nella grande distribuzione ricoprendo ruoli direzionali in vari settori dalle vendite al marketing.
Sommelier e consulente da diversi anni, innamorata per professione e passione al settore enogastronomico, si dedica ad oggi totalmente all’organizzazione di eventi sia pubblici sia privati. Diverse sono le collaborazioni con associazioni culturali tra cui si annovera il Mummy Project per la realizzazione di Mostre legate all’Antico Egitto.
Francesca Motta
Studente del Corso di Laurea Magistrale in “Beni Archeologici, artistici e del paesaggio: storia, tutela e valorizzazione” dell’Università di Bologna.
Da sempre appassionata di tutto ciò che concerne la storia antica e l’archeologia, dopo aver conseguito il diploma di maturità ha deciso di fare delle proprie passioni un percorso di studio. Frequentando i corsi ed i laboratori annessi presso la sede di Ravenna dell’Università di Bologna è entrata in contatto con l’Antropologia Archeologica, materia subito divenuta oggetto della sua tesi di laurea triennale ed ora anche di quella magistrale.
Ciò le ha permesso di acquisire conoscenze utili all’analisi dei resti umani rinvenuti in contesto archeologico.
Ha partecipato a missioni archeologiche su suolo italiano condotte dalle Università di Bologna, Siena e Verona spazianti dall’Età del Bronzo all’epoca rinascimentale e al Campus Estivo di Osteologia ed Antropologia Forense organizzato dal Labanof di Milano.
Gianluigi Nicola
Nato oltre 60 anni fa, quando Guido Nicola fondò a Torino un laboratorio di restauro che continua oggi con i discendenti: il figlio, Prof. Gianluigi e il nipote arch. Alessandro. Situato ad Aramengo, incantato paesino immerso nelle colline del Basso Monferrato conta di una struttura di oltre 3000 mq., dotata di moderni sistemi di protezione, collegati con le Forze dell'Ordine. Il laboratorio è organizzato in diversi settori del restauro: dipinti su tela, tavole, sculture lignee, dorature, stucchi, terrecotte, pietre, carte, pergamene e reperti archeologici ed etnografici. Un’équipe affiatata di tecnici specializzati e con lunga esperienza lavorativa, costantemente aggiornata, affiancata e coordinata dai titolari, consente di garantire un'altissima qualità di risultato e di svolgere interventi anche molto complessi riducendo al minimo i rischi che il restauro sempre comporta.
Il laboratorio si distingue per la lunga esperienza maturata su reperti egizi. Non si contano infatti gli interventi su sarcofagi e mummie, oltre a quelli direttamente in scavo in prestigiose missioni archeologiche. Ad esempio per il Museo Egizio di Torino la ricostruzione e il restauro del Tempio di Ellessya, il restauro di 300 sarcofagi lignei, oltre 900 vasi e manufatti fittili e numerosi monumenti lapidei tra cui il Naos di Sethi I, la quasi totalità delle statue di faraoni e divinità conservati nello statuario del Museo tra cui le statue di Ramesse II e Tutmosi III.
Marco Nicola
Direttore di ADAMANTIO srl, Torino
É uno Spin-off Accademico dell’Università di Torino che si occupa di indagini diagnostiche, analisi di laboratorio e ricerche su materiali di interesse storico-artistico e per lo sviluppo di materiali innovative. È un network di laboratori in grado di applicare le moderne tecniche di indagine scientifica all’ambito della salvaguardia dei beni culturali e dell’ambiente oltre che nei settori dell’edilizia sostenibile e della tecnologia dei materiali.
Assistente: dott.ssa Elisa Ariotti

Centro Sviluppo Progetti ed Eventi Culturali.

Mostre:

“IL VOLTO DELL’ANTICO EGITTO. L’Egyptian Corner dell’Università di Pavia”. Nuova sezione egizia della Raccolta Archeologica e Gipsoteca, Strada Nuova 65, Pavia.

“IL PASSATO NEL BICCHIERE. IL VINO NELL’ANTICO EGITTO”, 21-03/ 19-05 2014, Alba, Chiesa di San Domenico (Cn).

“ROSSO EGIZIO. Dialogo iconografico tra Colombotto Rosso e l’antico Egitto”, mostra di contaminazione tra archeologia ed arte 20/03 – 23/10 2016, Deposito Museale, Pontestura.

“DiVino. Le antiche terre dell’Egitto e del Monferrato, regni della cultura del vino”, mostra archeologica 9 maggio 2015-1 novembre 2015.

“EGITTO MAI VISTO”, Castello del Buonconsiglio, Trento, 30/05 2009 – 10/01 2010

”Ur Sunu – Grandi Dottori d’Egitto. Malattie e cure nella terra dei faraoni” , mostra archeologica internazionale 27 settembre-21 dicembre 2008, Casale Monferrato (AL) In esposizione 150, provenienti da musei nazionali ed internazionali, in particolare Metropolitan Museum of New York, Brooklyn Museum, Kunst Historisches Museum di Vienna, Musei Vaticani, Fondazione Museo Egizio di Torino, Museo Egizio di Firenze, Museo Civico Archeologico di Bologna, Museo Antropologico di Torino, Museo Civico di Padova, Museo Civico di Como, Museo del Territorio Biellese di Biella, Museo Civico di Cherasco “G.B. Ariani”, Museo Civico di Domodossola, Museo “Camillo Leone” di Vercelli, Museo Archeologico e Paleontologico di Asti, Museo Civico di Susa. Patrocini: l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, del Presidente del Consiglio dei Ministri, del Ministro del Lavoro Salute e Politiche sociali, della Regione Piemonte, della Provincia di Alessandria, del Comune di Casale Monferrato, delle Misericordie d’Italia e dell’Ospedale S. Raffaele di Milano.

Centro Sviluppo Progetti ed Eventi Culturali.

Eventi:

“Omicidio all’Ombra delle Piramidi”, spettacolo teatrale ispirato alla mostra DiVino con diretto coinvolgimento del pubblico

“Il Giardino del Faraone” realizzazione di un giardino nilotico all’interno della mostra DiVino

“Uno sguardo sull’antico Egitto”, Aprile 2010 – settembre 2010, conferenze, documentari elaboratori tematici, Museo Camillo Leone, Vercelli.

MEXPO: ciclo di eventi culturali, conferenze e laboratori, in previsione dell’Esposizione Universale, Primavera 2015 07-02 “Egitto: cotto e mangiato Le abitudini della tavola dei faraoni”, conferenza di S. Malgora, Direttore Mummy Project 08-02 “A tavola con il faraone”, laboratorio didattico per ragazzi 21-03 “Abemus in cena. Cibi e bevande dell’antica Roma”, conferenza di P. Cattaneo, archeologa del Museo Sutermaier di Legnano “ A tavola nell’antica Roma”, laboratorio didattico per ragazzi 11-04 “Dai boccali corsi ai barattoli della Nutella. Storie di Contenuti e Contenitori”. dott.ssa Lucia Mordeglia, funzionario della Soprintendenza Archeologia della Lombardia

“UN AUTUNNO EGITTOLOGICO” ciclo di conferenze sulla medicina nell’Antico Egitto, Complesso di Santa Croce, Casale Monferrato (AL), con la partecipazione di Maria Cristina Guidotti, Direttore Museo Egizio di Firenze

Children Lab

Attività didattiche per i bambini, ragazzi e adulti

Save the Heritage

Valorizzazione del patrimonio storico, antropologico ed artistico

Edizioni e Grafica.

Sviluppa e realizza progetti editoriali, tra cui ad esempio:

Rosso Egizio. Dialogo iconografico tra l’antico Egitto e Enrico Colombotto Rosso, Catalogo della mostra a cura di Sabina Malgora, Mummy Project edizioni, 2015

DiVino. Le antiche terre dell’Egitto e del Monferrato, regni della cultura del vino, Catalogo della mostra a cura di Sabina Malgora, Mummy Project edizioni, 2014

Pubblicazioni:

Dalle Alpi alle Piramidi. La collezione egizia del Castello del Buonconsiglio di Trento, 2016

Il Vino nell’Antico Egitto, Ananke 2014

Il caso di Ankhpakhered. I nuovi approcci scientifici del Mummy Project, Ananke, Torino, 2013

La Collezione Egizia del Museo Camillo Leone, Interlinea, Novara 2011

Ur Sunu. Grandi dottori dell’Antico Egitto, Vercelli 2008

Collaborazioni

Eurac-Istituto per le mummie e l’Iceman, Bolzano

REM: German-Mummy- Project, Reiss-Engelhorn- Museen - Impressum, Manheim

Nicola Restauri, Aramengo

Carabinieri, RIS (Reparti Investigazioni Scientifiche), con sede a Roma

Metropolitan Museum, New York

British Museum

Museo Egizio, Firenze

Museo delle Scienze di Brescia

Museo Civico di Merano

Museo Camillo Leone Vercelli

Museo del Territorio di Biella

Museo Archeologico dell’Università di Pavia

Gli studenti di informatica dell'ITIS Sobrero di Casale Monferrato: Collodoro Emanuele, Mauri Andrea, Secchi Marco, Guerra Filippo